Finalità dell’analisi per margini

Redazione

Il confronto tra l’attivo (gli impieghi) e il passivo (le fonti) di bilancio consente di valutare la sussistenza delle condizioni di equilibrio aziendale.

Tale analisi deve essere compiuta tenendo presente la dimensione dei diversi sottoinsieme che compongono i citati aggregati.

L’analisi può avvenire per:

  • stock o consistenze ad una determinata data (analisi statica);
  • flussi o variazioni di consistenze finanziarie (analisi dinamica).

Lo scopo è quello di accertare:

  • A. Congruità tra fonti di finanziamento e impieghi del capitale
  • B. Elasticità degli impieghi
  • C. Equilibrio finanziario

Le suddette analisi comportano la necessità di determinare i cosiddetti “margini” ovvero differenze tra aggregati finanziari e operativi.

Responsive image

Contenuti correlati

Come si effettua l’analisi per margini Photo by Brandon Wong on Unsplash

Come si effettua l’analisi per margini

Ai fini dell’analisi dello stato patrimoniale occorre determinare preliminarmente i margini più rilevanti che emergono dal confronto tra l’attivo (gli impieghi) e il passivo (le fonti) di bilancio…