Salta al contenuto principale

OIC 17 - Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto: trattamento della differenza iniziale tra costo d’acquisto e patrimonio netto contabile della partecipata - p.162

Riferimenti OIC
SEZIONE DEL METODO DEL PATRIMONIO NETTO - VALUTAZIONE E RILEVAZIONI SUCCESSIVE
Trattamento della differenza iniziale tra costo d’acquisto e patrimonio netto contabile della partecipata
Descrizione

In presenza di una differenza iniziale negativa (il costo sostenuto per l’acquisto della partecipazione è inferiore alla corrispondente frazione di patrimonio netto contabile della partecipata), si possono prospettare due ipotesi:
a) la differenza iniziale negativa non è riconducibile alla previsione di perdite ma al compimento di un buon affare, per cui la partecipante iscrive la partecipazione al maggior valore del patrimonio netto rettificato della partecipata rispetto al prezzo di costo, iscrivendo quale contropartita, all’interno della voce AVI “Altre riserve”, una “Riserva per plusvalori di partecipazioni acquisite”, non distribuibile;
b) la differenza iniziale negativa è dovuta alla presenza di attività iscritte per valori superiori al loro valore recuperabile o passività iscritte ad un valore inferiore al loro valore di estinzione o, ancora, alla previsione di risultati economici sfavorevoli, per cui tale differenza rappresenta un “Fondo per rischi e oneri futuri” di cui si mantiene memoria extracontabilmente. In tal caso, la partecipazione è inizialmente iscritta per un valore pari al costo sostenuto. Il fondo memorizzato extracontabilmente è utilizzato negli esercizi successivi a rettifica dei risultati della partecipata secondo la stessa logica prevista per il “Fondo di consolidamento per rischi e oneri futuri”.