Cos’è il punto di break even

Cos’è il punto di break even Photo by Kalen Emsley on Unsplash
Redazione

Il break-even point rappresenta il punto di pareggio della propria attività, ossia il punto in cui i ricavi totali riescono a coprire tutti i costi, sia fissi che variabili. In altri termini fissa il punto da cui potrai comincerai a guadagnare.

E’ consigliabile determinare il punto di pareggio in particolare quando si avvia una nuova attività, un nuovo prodotto o un nuovo canale di vendita. In tutti questi casi, infatti, è utile per valutare la fattibilità del progetto considerando in modo realistico tutti i costi.

Come si calcola il Punto di break even

Il Break even point si calcola mediante la Break even analysis. Questo metodo presuppone la conoscenza di costi fissi e costi variabili dell’azienda.

Esistono due metodologie diverse per svolgere la Break even analysis:

  • metodo analitico;
  • metodo grafico o diagramma di redditività.

Metodo analitico

Il metodo analitico prevede l’utilizzo di funzioni matematiche. Il Break even point in questo caso è determinato mediante lo svolgimento della seguente equazione:

Break Even Point = CF / (PV – CVU)

Dove:

  • CF = costi fissi
  • PV = prezzo di vendita del prodotto
  • CVU = costo variabile per unità di prodotto

La formula evidenzia il Margine di Contribuzione, ossia il valore per unità di prodotto che rimane togliendo dal prezzo di vendita i costi variabili. Si tratta della  quantità necessaria a coprire i costi fissi.

Margine di contribuzione = (PV – CVU)

Metodo grafico

Il metodo grafico prevede l’utilizzo di un diagramma di redditività che espone:

  • sull’asse delle X i volumi di produzione;
  • sull’asse delle Y il valore dei costi e dei ricavi dei prodotti.

I costi fissi, non essendo relazionati al fatturato, sono rappresentati con una retta parallela all’asse delle ascisse. I costi variabili sono esposti con una retta inclinata positivamente poiché variano in funzione del fatturato. Ne consegue che i costi totali sono raffigurati con una retta inclinata positivamente.

I ricavi totali variano in funzione del fatturato e sono esposti con una retta inclinata positivamente.

Il punto di pareggio o Break even point è quindi determinato dall’intersezione della retta dei costi totali con la retta dei ricavi totali.

L’osservazione del grafico consente di individuare anche:

  • la zona di profitto, ossia l’area nella quale il fatturato supera i costi e il punto di break even;
  • la zona di perdita, ossia l’area indicata i cui l’azienda non è riuscita a coprire i costi con i propri ricavi.

Le due rette potrebbero anche non incrociarsi. Si tratta del caso in cui i costi sono troppo altri e si è in assenza del punto di pareggio.

Esempio

Ipotizziamo i seguenti dati:

  • CF = 4 mln di euro
  • PV = 950 euro
  • CVU = 600 euro

Il Break Even Point = CF / (PV – CVU) = 4.000.000 / (950 – 600) = 11.429.

Ciò significa che la quantità di unità da produrre e vendere per pareggiare i costi totali al prezzo di vendita stabilito (950 Euro) è pari a n. 11.429 unità di prodotto.

Utilizzando le informazioni sopra esposte abbiano il seguente grafico.

Responsive image

Strategie per abbassare il punto di pareggio

Per abbassare il proprio Break even point si può agire sui seguenti aspetti:

  • costi fissi;
  • costi variabili;
  • prezzi.

La riduzione dei costi fissi apporta un beneficio diretto al Break even point. I costi fissi sono difficili da diminuire, tuttavia rappresenta la strategia giusta per abbassare anche il punto di pareggio.

Anche la riduzione dei costi variabili è efficace ma l’effetto è meno immediato, soprattutto se si tratta di un’attività di piccole dimensioni o appena avviata. Le soluzioni vanno ricercate nel cambiamento dei fornitori, processi produttivi o modalità di vendita.

I prezzi dei prodotti agiscono in maniera inversamente proporzionali sul punto di pareggio. Alzando i prezzi della merce consente, infatti, di diminuire le unità da vendere per raggiungere il punto di pareggio. Questa strategia richiede una attenta analisi di mercato e della concorrenza.

Perché è utile calcolare il Break even point

La Break even analysis è utile per:

  • la redazione del Business Plan, in quanto evidenzia la quantità di vendite necessarie a raggiungere una situazione di pareggio;
  • determinare i prezzi di vendita dei prodotti aziendali in modo ottimale;
  • comprendere la dimensione e la dinamica dei costi fissi e quelli variabili;
  • verificare gli utili e le perdite dell’attività produttiva;
  • fissare obiettivi di guadagno realistici;
  • ridurre i rischi per l’azienda in quanto accresce la consapevolezza sui valori espressi dall’attività aziendali;
  • pianificare campagne di comunicazione e marketing.

Limiti della Break even analysis

La Break even analysis presenta i seguenti limiti che potrebbero ridurne l’efficacia:

  • è un’analisi statica. Essa non considera, infatti, le tempistiche e le variazioni periodiche di spese e costi;
  • non considera le rimanenze e non prevede la domanda. Le quantità prodotte, infatti, non sempre coincidono con quelle vendute;
  • costi e ricavi non variano in modo lineare. I costi, in particolar modo quelli variabili, sono fattori particolarmente soggetti a cambiamento. I costi variabili infatti dipendono spesso dalle quantità prodotte;
  • la distinzione tra costi fissi e costi variabili non è sempre facile da effettuare;
  • non tiene in considerazione la concorrenza e l’impatto che i concorrenti potrebbero avere sui prodotti aziendali.

Contenuti correlati

Cos’è il punto di break even Photo by Kalen Emsley on Unsplash

Cos’è il punto di break even

Il break-even point rappresenta il punto di pareggio della propria attività, ossia il punto in cui i ricavi totali riescono a coprire tutti i costi, sia fissi che variabili. In altri termini fissa…

Strumenti

Calcolo del break even point Photo by Hello I'm Nik 🎞 on Unsplash

Calcolo del break even point

Break Even Point

Utilizza queste pagine per: