Salta al contenuto principale

OIC 4 - Fusione e scissione: 4.5. Il bilancio di scissione ed il bilancio consolidato - Part. II Scissione

Riferimenti OIC
PARTE SECONDA: LA SCISSIONE
4 BILANCI E DOCUMENTI CONTABILI NELLA SCISSIONE
4.5. Il bilancio di scissione ed il bilancio consolidato
Descrizione

In presenza di un gruppo di società la cui controllante redige il bilancio consolidato, la scissione può verificarsi secondo le seguenti fattispecie:
1 l’operazione di scissione avviene all’interno del gruppo, per parti di patrimonio (ramo d’azienda oppure singoli beni o gruppi di beni) possedute da una o più società con una o più beneficiarie appartenenti al medesimo gruppo (pre-esistenti o neo costituite sempre all’interno del gruppo). È questo il caso in cui la capogruppo A controlla B e C, B possiede due rami d’azienda X e Y e quest’ultimo viene scisso da B a C;
2 l’operazione di scissione avviene per parti di patrimonio (ramo d’azienda oppure singoli beni o gruppi di beni) possedute da una o più società con una o più beneficiarie inizialmente esterne al gruppo e che per effetto della scissione entrano nel gruppo stesso. È questo ad esempio il caso in cui la capogruppo A controlla B, B possiede due rami d’azienda X e Y e quest’ultimo viene scisso in C (società inizialmente terza) che entra a far parte del gruppo;
3 l’operazione di scissione avviene per parti di patrimonio (ramo d’azienda oppure singoli beni o gruppi di beni) possedute da una o più società con una o più beneficiarie che rimangono esterne al medesimo gruppo. In questo caso posto che Alfa e Beta sono i soci della capogruppo A, la cui attività si realizza mediante due rami d’azienda X e Y ed inoltre controlla B, per effetto della scissione del ramo Y il socio Alfa continuerà a possedere A (senza il ramo Y) ed entrambi i soci Alfa e Beta possiederanno la società beneficiaria della scissione del ramo Y, cioè C (26).
Nella prima fattispecie, la scissione non si configura come un’operazione che realizza uno scambio economico con terze economie e conseguentemente il bilancio consolidato redatto successivamente all’operazione di scissione non subirà gli effetti dell’operazione stessa, e sarà redatto in continuità di applicazione con i precedenti principi e criteri di allocazione; gli effetti della scissione contabilizzati nelle società beneficiarie saranno annullati mediante opportune scritture di consolidamento.
Nella seconda fattispecie si realizza, con l’operazione di scissione, una acquisizione di una società terza che entra a far parte del gruppo e pertanto, nell’ambito di preparazione del bilancio consolidato, le attività e passività oggetto della scissione saranno rilevati ai medesimi valori esistenti nel precedente bilancio consolidato, mentre le attività e passività inizialmente presenti nella società acquisita dovranno essere rilevati secondo le normali regole previste per il primo consolidamento, tenendo conto che il prezzo di acquisto è il valore contabile rilevato nel bilancio consolidato delle attività e passività scisse.
Nella terza fattispecie, la scissione si configura come un’operazione che realizza uno scambio economico con parti esterne al gruppo, seppure parti correlate, ed il bilancio consolidato rifletterà gli effetti dell’operazione di scissione sulla base dei valori delle attività e passività del ramo scisso determinati nell’ambito del bilancio consolidato.
In tutte le fattispecie analizzate, qualora esistessero operazioni infragruppo che venivano elise nel bilancio consolidato relativamente alle attività o passività oggetto di scissione, le stesse dovranno essere annullate in ogni caso secondo le normali regole di consolidato.
26) Si presuppone che Beta concambia le sue azioni in A con quelle di C. Alfa continua ad essere capogruppo di B ma non di C, i cui soci sono Alfa e Beta.