Salta al contenuto principale

OIC 4 - Fusione e scissione: 4.3.3. Le differenze di scissione – la disciplina giuridica degli avanzi e dei disavanzi: aspetti generali - il disavanzo di scissione e il suo trattamento contabile a) il disavanzo da annullamento - Part. II Scissione

Riferimenti OIC
PARTE SECONDA: LA SCISSIONE
4 BILANCI E DOCUMENTI CONTABILI NELLA SCISSIONE
4.3.3. Le differenze di scissione – la disciplina giuridica degli avanzi e dei disavanzi: aspetti generali
Descrizione

La sua origine e natura economica è quella precisata nel paragrafo 4.4.3.1. della Parte Prima di questo Principio, tenendo presente, tuttavia, che essendo riferito solo ad una frazione del patrimonio netto della scissa, l’accertamento della sua natura e del modo con cui si è formato presenta difficoltà maggiori di quelle che si riscontrano nelle fusioni.
Il disavanzo da annullamento è eliminato, se possibile, imputandolo ai valori correnti delle attività e passività e, per l’eventuale residuo, ad avviamento, con le modalità e le cautele indicate a proposito delle fusioni. Se, invece, corrisponde a perdite pregresse o ad un eccesso di costo, è eliminato e non può dar luogo alle predette imputazioni.
Nelle scissioni, come si è rilevato, è più difficile e complicato accertare queste situazioni, ma non impossibile; le perdite pregresse prima indicate sono non le perdite di bilancio della scissa, ma le perdite operative delle singole aziende, accertate in base alle rilevazioni interne gestionali proprie della contabilità analitica e del controllo di gestione. Di conseguenza, potrà accadere che il bilancio complessivo della scissa non registri perdite, ma la contabilità gestionale abbia evidenze negative relative alla singola azienda considerata. I maggiori valori correnti degli elementi dell’attivo (ad esempio immobili, partecipazioni, ...) e l’avviamento sono quelli relativi alla singola azienda considerata, che possono non esistere nelle altre aziende della medesima società scissa. Essi sono quindi essere accertati aggiornando, con riferimento a quella azienda, le valutazioni eseguite precedentemente per la determinazione dei rapporti di cambio.