OIC 32 - Strumenti finanziari derivati: Strumenti di copertura ammissibili - n.22

Riferimenti OIC
MOTIVAZIONE ALLA BASE DELLE DECISIONI ASSUNTE
Operazioni di copertura
Strumenti di copertura ammissibili
Descrizione

Il principio contabile consente di designare uno o più contratti derivati come strumento di copertura in una relazione di copertura. Come regola generale l’intero derivato dovrebbe essere designato per la copertura, tuttavia il principio contabile consente delle eccezioni:
a) È possibile designare solo una parte del valore sottostante del derivato, come ad esempio il 50% del suo nozionale, come derivato di copertura. Tale previsione è necessaria per garantire che le società che non hanno la possibilità di stipulare derivati con nozionale identico a quello dell’ elemento coperto, possano comunque applicare la contabilizzazione delle coperture contabili designando una parte del nozionale, pur avendo stipulato derivati con nozionale superiore rispetto all’elemento coperto.
b) È possibile designare come strumento di copertura esclusivamente la componente di valore intrinseco di un contratto forward o di un’opzione. Questa possibilità è stata prevista per evitare che la designazione, seppur prevista dal principio, di un contratto forward o di un’opzione nella sua interezza, includendo quindi anche il valore temporale, possa generare inefficacia della copertura, da rilevare a conto economico, che nelle circostanze in cui risulti particolarmente significativa, potrebbe comportare la necessità di interrompere la copertura. Designando il solo valore intrinseco, dunque, si riduce significativamente il rischio di rilevare inefficacia. La variazione di valore temporale, esclusa dalla relazione di copertura, è trattata contabilmente come un onere accessorio sulla transazione oggetto di copertura, e come tale capitalizzabile nel valore dell’elemento coperto una volta che questo si è manifestato.