OIC 32 - Strumenti finanziari derivati: Metodologie quantitative per il calcolo dell’inefficacia della copertura - D.12

Riferimenti OIC
APPENDICE D – RELAZIONI DI COPERTURA
OPERAZIONE DI COPERTURA APPLICABILE
Metodologie quantitative per il calcolo dell’inefficacia della copertura
Descrizione

Per calcolare la variazione di valore dell’elemento coperto al fine di valutare l’inefficacia della copertura, la società può usare, ai sensi del paragrafo 86, la tecnica del derivato ipotetico che consiste nello stimare il fair value di uno strumento finanziario derivato che abbia caratteristiche corrispondenti agli elementi portanti dell’elemento coperto (il cosiddetto “derivato ipotetico”) e che per esempio per la copertura di un’operazione programmata, sia calibrato in base al livello di prezzo (o tasso) coperto.
Il ricorso al derivato ipotetico è uno dei possibili modi per determinare la variazione di valore dell’elemento coperto. Replicando l’elemento coperto, il derivato ipotetico produce lo stesso risultato che si otterrebbe se la variazione di valore fosse calcolata con un metodo diverso.
Alcuni esempi di utilizzo del derivato ipotetico sono i casi in cui:
a) il derivato ipotetico è rappresentato da un ipotetico contratto forward calibrato a un valore nullo al momento della designazione della relazione di copertura;
b) il derivato ipotetico è rappresentato dal valore intrinseco di un’ipotetica opzione che, al momento della designazione della relazione di copertura, sia at the money, se il livello di prezzo coperto è il livello corrente di mercato, oppure out of the money, se il livello di prezzo coperto è superiore al livello corrente di mercato.