OIC 19 - Debiti: casi particolari - p.75

Riferimenti OIC
CASI PARTICOLARI
Descrizione

Riacquisto sul mercato di obbligazioni o altri titoli di debito emessi dalla società. Quando la società procede al riacquisto sul mercato delle proprie obbligazioni, l’evento deve essere trattato contabilmente come se avesse proceduto ad un’estinzione anticipata del prestito obbligazionario mediante rimborso con disponibilità liquide, anche nel caso in cui le obbligazioni acquistate non sono annullate e sono successivamente rivendute sul mercato. Tale interpretazione sostanziale dell’evento di riacquisto delle obbligazioni risiede nella considerazione che se la società procedesse a iscrivere le proprie obbligazioni, riacquistate sul mercato, tra le attività dello stato patrimoniale, essa iscriverebbe nell’attivo titoli di debito che rappresenterebbero crediti verso se stessa e lascerebbe iscritti nel passivo debiti per obbligazioni parimenti verso se stessa; entrambe le poste non possono essere iscritte nello stato patrimoniale, in quanto non rispondono alle definizioni di credito e di debito.
Se la società applica il criterio del costo ammortizzato:
− quando prevede, con un sufficiente grado di probabilità, di riacquistare in tutto o in parte le proprie obbligazioni anticipatamente rispetto alla scadenza di rimborso, ne tiene conto nel processo di revisione delle stime dei flussi finanziari futuri del debito obbligazionario e rettifica il valore contabile del debito per riflettere i rideterminati flussi finanziari stimati ai sensi del paragrafo 61;
− all’ atto del riacquisto delle obbligazioni, il debito obbligazionario corrispondente alle obbligazioni riacquistate è cancellato dallo stato patrimoniale a fronte del prezzo di riacquisto e la differenza tra valore contabile del debito e l’esborso di disponibilità liquide a titolo di prezzo di acquisto delle obbligazioni è rilevata nel conto economico tra i proventi o tra gli oneri finanziari ai sensi del paragrafo 62;
− il successivo annullamento delle obbligazioni non genera rilevazioni contabili;
− la successiva rivendita sul mercato delle obbligazioni deve essere trattata come una nuova emissione di un prestito obbligazionario ove la differenza tra il prezzo di vendita e il valore nominale di rimborso a scadenza delle obbligazioni costituisce un aggio o un disaggio di emissione; le rilevazioni contabili seguono le regole previste dai paragrafi 41-53.
Se la società non applica il criterio del costo ammortizzato e valuta i debiti al valore nominale:
− all’ atto del riacquisto delle obbligazioni, il debito obbligazionario corrispondente alle obbligazioni riacquistate è cancellato dallo stato patrimoniale a fronte del prezzo di riacquisto e la differenza tra valore contabile del debito e l’esborso di disponibilità liquide a titolo di prezzo di acquisto delle obbligazioni è rilevata nel conto economico tra i proventi o tra gli
oneri finanziari;
− il successivo annullamento delle obbligazioni non genera rilevazioni contabili;
− la successiva rivendita sul mercato delle obbligazioni deve essere trattata come una nuova emissione di un prestito obbligazionario ove la differenza tra il prezzo di vendita e il valore nominale di rimborso a scadenza delle obbligazioni costituisce un aggio o un disaggio di emissione; le rilevazioni contabili seguono le regole previste dal paragrafo 69.
Le regole sopra descritte si applicano anche al riacquisto sul mercato titoli di debito emessi dalla società diversi dalle obbligazioni.